11 donne a Parigi

A: Lei fa un paragone tra i cambiamenti climatici e la vita della donna del ventunesimo secolo.
B: Certamente. La donna, al pari del pianeta, in un secolo ha subito cambiamenti così profondi e così repentini che è come il tempo meteorologico: instabile, imprevedibile. Insomma si può dire che la donna di oggi presenta più volti.
A: Per il pianeta sappiamo che il responsabile è l’uomo. Ma per la donna di chi è la colpa?
B: Ah, sempre dell’uomo! No, scherzo…

Titolo originale:

“Sous les jupes des filles” (trad.: Sotto le gonne delle ragazze), film francese del 2014 realizzato sotto la regia di Audrey Dana, la quale è anche attrice.

Titolo suggerito:

“Le amiche di Audrey”. La regista ha messo insieme un cast di 11 prime donne (tra cui anche Vanessa Paradis e Laetitia Casta), le quali sono sì delle ottime attrici, ma soprattutto sono amiche di Audrey. Reputo sia stata una scelta discutibile. Manca una varietà del genere femminile descritto. Una pecca sta nel fatto che il cast sembra piatto e poco eterogeneo. Avrei apprezzato la presenza di donne di forme diverse e di origini diverse. Si sa che la Francia ha questa varietà e avrebbe notevolmente arricchito l’opera di Audrey. Inoltre non ho apprezzato la presenza del cast maschile come sopramobile.

Giudizio:

In generale è una commedia ironica, leggera, da non prendere troppo sul serio. Manca la cura al dettaglio. E’ un’esplorazione dell’universo femminile fatta in maniera sbrigativa, superficiale e alcune volte si tende al ridicolo. E’ come se ci fosse il gusto di rompere tabù. Quindi sesso, tradimento, relazioni extra-coniugali con uomini e donne, cunnilingus, mestruazioni, pillola, disinibizione, frustrazione, cancro, paura di morire. Insomma un ritratto parziale fatto dalle 11 protagoniste. Sicuramente da migliorare. Vorrei una maggiore profondità e una maggiore attenzione al contenuto. La leggerezza va bene, ma va calibrata.

Colonna sonora:

Curata interamente da Imany. La adoro! Il remix di “Don’t be so shy” è stato un vero e proprio tormentone. E’ anche una delle mie canzoni preferite. La versione acustica presente nel film è deliziosa e sensuale.

Ambientazione e costumi:

Parigi, più interni che esterni. Scena finale sotto la Torre Eiffel ad effetto. Vestiario alla moda.

Annunci

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...