Are you in love with Venice again?

A friend of mine asked me this question. It sounds like a stupid question, probably. Still I took it seriously. I replied “Always“.

Continua a leggere

Annunci

Star Wars – The Phantom Menace (1999)

Una cosa è certa. Star Wars fa parte della cultura nerd/geek.

E’ cosa buona e giusta che io colmi le mie lacune.

Di seguito una selezione dei dialoghi che mi hanno particolarmente colpita.

Continua a leggere

La festa di nozze muta

– Cosa c’era qui, signor sindaco?

– Un villaggio, l’hanno distrutto i comunisti per costruire una fabbrica per operai. Ora i capitalisti, furbi, radono al suolo la fabbrica per ricostruire il villaggio. [ ridono ] Un villaggio turistico.

– Cos’è successo qui, sindaco?

[ traduzione libera dal romeno a cura di Daciana Bailey ]

Continua a leggere

Mutti. Angela Merkel spiegata agli Italiani

E’ paradigmatico il mega-manifesto che la CDU fa montare di fronte alla frequentatissima stazione centrale di Berlino: misura 70 metri per 20. Non mostra la candidata, ma soltanto le sue mani giunte, impreziosite dai lembi di una camicia azzurra, quasi orientale: le punte dei due pollici si toccano in alto, in basso si ricongiungono le altre dita. E’ il famigerato “rombo della Merkel”, un atteggiamento tipico che Angela usa assumere nel corso delle manifestazioni pubbliche e persino nei vertici internazionali. In molti lo deridono, a tanti sembra un tic, ma lei lo spiega con quella sua disarmante autoironia e semplicità: “Mi pongo sempre la questione di dove mettere le braccia!”

Continua a leggere

Il caso Malaussène. Mi hanno mentito

Secondo Rabdomant, qualunque agente investigativo lavora coma un romanziere. Cerca la coerenza. […] gli errori giudiziari sono quasi sempre il frutto di un eccesso di coerenza narrativa. A ogni livello dell’inchiesta, gendarmerie, polizia giudiziaria, istruttoria, perizie psichiatriche, fin nell’aula di tribunale, il tentativo è sempre quello di costruire una storia plausibile, di creare una successione logica fra presunti moventi e azioni. Quando c’è qualcosa che non quadra, senza rendersene conto si forza un po’ e si sbatte in galera il sospetto più compatibile dal punto di vista logico. Si cerca la coerenza, insomma. Secondo Rabdomant questo è il modo migliore per produrre un errore giudiziario.

Continua a leggere

Americanah

Quella mail, scritta tutta in maiuscolo, fu una rivelazione. Lo scopo dei seminari sulla diversità, o dei discorsi multiculturali, non era tanto quello di ispirare cambiamenti reali, quanto quello di lasciare le persone soddisfatte di sé. Non volevano da lei un contributo di idee; volevano solo il gesto della sua presenza. Non avevano letto il suo blog, ma avevano saputo che lei era una “importante blogger” sulle questioni razziali.

Continua a leggere